Santi di Caponapoli

Avvenimenti

 

I SANTI DI CAPONAPOLI
Il Monastero di Regina Coeli

Maria Lorenza Longo e Giovanna Antida Thouret
Due donne nuove per tempi nuovi

DOMENICA 21 Maggio ore 10:00
L'associazione L'Atrio delle Trentatré Onlus, per il ciclo I SANTI DI CAPONAPOLI, propone, a tutti coloro che hanno visitato il monastero delle Trentatré, un *Nuovo Itinerario* che ci porterà alla riscoperta di Santa Giovanna Antida Thouret e del Complesso Monumentale di Regina Coeli di Napoli.

 

 

 

 

⌚ La durata della Visita è di due ore circa.
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
☎️ Per info :
WhatsApp 328 669 08 42
latriodelletrentatre@gmail.com
Il Contributo Associativo di partecipazione euro 12,00
👪 I ragazzi fino a 12 anni saranno nostri ospiti.
Il complesso che fino al secolo XIX è stato abitato dalle Monache Canonichesse Lateranensi, ancora oggi ospita le figlie di Santa Giovanna Antida: la Congregazione delle Suore della Carità. Un vero e proprio scrigno di arte, bellezza ed eleganza, un luogo antico nel quale convivono nell'architettura lo stile di vita delle due comunità che lo hanno abitato da cinquecento anni ad oggi.
Dei 33 Santi che sono passati nell'ospedale degli Incurabili, Giovanna Antida Thouret, dall' 800 ad oggi, ha lasciato un segno tangibile e concreto nella Chiesa e nella società napoletana.Lei e le sue figlie hanno operato instancabilmente presso l'ospedale fondato da Maria Lorenza Longo agli inizi del '500.
L' itinerario si propone di raccontare e confrontare la vita di *due Donne carismatiche* per il loro tempo, *due Donne Fondatrici* di ordini religiosi presenti ancora oggi in tutto il mondo, *Due Donne che del Vangelo* hanno fatto strumento vivo nelle mani per servire e curare i fratelli e sorelle tutti.
Il Tour inizia presso l'atrio del Monastero delle Trentatré e proseguirà verso il vicino Istituto di Regina Coeli dove ci attenderanno le _"figlie"_ di Santa Giovanna Antida per raccontarci della vita e delle opere della loro Madre. Visiteremo il Chiostro e la Farmacia Storica, I Parlatori e la Cappella della comunità, il Refettorio e la sala del Presepe e scopriremo così tanti aspetti in comune tra le Suore della Carità e le Monache Cappuccine di Napoli.
condividi su