S. Maria della Provvidenza alla Salute

S. Maria della Provvidenza
alla Salute

Il Ritiro, fondato nel 1794 da alcune sacerdoti e uomini pii per il ricovero di donne oneste ma povere, seguiva la Regola carmelitana. Visse sempre poveramente facendo affidamento solo sulle elemosine. Col tempo, la scarsezza delle rendite costrinse gli amministratori a richiedere una quota in denaro per l’accesso al Ritiro e una retta mensile di 3 ducati. Si formava, così, una comunità  costituita da donne di diversa condizione: pericolate figlie di artigiani, vedove, nubili e oblate che vestivano l'abito dell'Addolorata. Tutte dovevano lavorare su commissione per poter vivere.

La situazione economica del Ritiro non migliorò col tempo: a metà del XIX secolo si annoveravano 75 donne ridotte alla fame (ogni ospite aveva solo una zuppa e un pane al giorno) e totalmente indebitate.

Per porre riparo a questa situazione si rese necessario l’intervento del Commissario Regio Donato Blasucci, che si impegnò nel risanamento dell’amministrazione e nella redazione di un nuovo Statuto che richiamava l’Ente alle sue finalità originarie di accoglienza di ragazze povere.

Il Ritiro viene trasformato in ospizio di pietà e la famiglia fu formata anche da donne provenienti dall'Ecce Homo e  da S. Antonio alla Vicaria: tutte vivevano miseramente con questue e elemosine. Con lo Statuto del 1872 si tentò di trasformare il Ritiro in Educandato, ma la riforma non fu attuata.

Nel 1928 il Ritiro si estinse ed i locali furono incorporati in parte dalla Parrocchia di S. Maria della Provvidenza, eretta dal cardinale Ascalesi il 27 dicembre 1925, e in parte dall’attuale Scuola Lombardi-Montale del Plesso Petrarca.

Per quanto concerne il chiostro, successivamente alla soppressione del 1865, fu trasformato in abitazioni private.

a.v.

Fotografie di Massimo Velo


📍Quartiere: Avvocata, Via Matteo Renato Imbriani, 137

 ☨  Tipologia: Ritiro per donne oneste, ma povere

📅 Data di fondazione: 1794

⛪ Regola monastica: Carmelitana

👥 Fondatori: Uomini pii e alcuni sacerdoti

condividi su